Liberata Caretta Caretta presso il litorale di Mazara del Vallo


Nippiteddra, questo è il nome che è stato dato alla tartaruga che nella mattinata dell'otto settembre è stata liberata in mare, presso il litorale San Vito di Mazara Del Vallo, un esemplare di circa 15 anni appartenente alla specie Caretta Caretta. La tartaruga era stata recuperata nel tratto di mare tra Favignana e Marettimo dopo aver ingoiato accidentalmente un un sacchetto di plastica. La tartaruga, avendo difficoltà a immergersi, era stata portata presso un Centro Veterinario a Favignana e dopo le necessarie cure è stata liberata in mare. L'evento si è svolto alla presenza dei volontari del WWF, della Capitaneria di Porto, delle Guardie Ambientali e del pubblico numeroso accorso per l'occasione.
"L'attività di sensibilizzazione riguardo alle tartarughe è sempre in primo piano" - a parlare è Vincenzo Reina, vice presidente del WWF Sicilia.
"Il nostro territorio è fertile alla nidificazione delle tartarughe -continua Reina. Infatti la scorsa settimana abbiamo assistito anche a una nidificazione presso il Lungomare Biscione a Petrosino dove sono scovate una ventina di tartarughe. Nidificazione che è avvenuta anche a Triscina, Menfi e buona parte della costa trapanese che goduto di questi privilegi. Grazie al Centro Recupero Tartarughe di Favignana, abbiamo dato vita a questa manifestazione che ci ha dato modo spiegare, soprattutto ai bambini, come bisogna essere amici della natura, e come ogni azione umana può avere effetti nefasti su tutti gli ecosistemi".

Rosalba Pipitone