EVAN MEYER E BEAUTIFY: UN PROGETTO PER LA TRASFORMAZIONE URBANA


Da tempo, la Street Art non è più classificata, con tutte le differenze e diversità del caso, come vandalismo ma piuttosto può essere fonte di orgoglio civico, arte pubblica e impegno all'aperto nelle città di tutta del mondo. La posizione strategica di un graffito, di un murale -sul lato di un'azienda, sotto un ponte, sui muri esterni di un centro comunitario- non solo favorisce l'abbellimento di un quartiere, ma può anche essere un ritorno dell'investimento per il commercio. Inoltre, un viaggiatore in cerca di murales di strada, verrà arricchito con approfondimenti sulle dinamiche sociali, culturali o politiche di una città, nonché sull'estetica artistica di un particolare quartiere.
Quella che una volta era controcultura, mostrata ai margini della società, si è evoluta nel corso dei decenni molte volte per includere una forma praticabile di arte pubblica che può contribuire al successo delle comunità alle quali viene data l'occasione di raccontare le loro storie con artisti locali e lasciare che ogni strada, quartiere, sia un luogo in cui sentirsi sicuri e ispirati, e delle imprese in un ambiente urbano in continua evoluzione: Da Philadelphia's, Mural Arts Program all'arte di Banksy nello stabilimento Packard di Detroit, al Mural Conservancy di Los Angeles, a Wynwood Walls a Miami, al Painted Desert Project con la Navajo Nation nel New Mexico e in Arizona, al Chicago Public Art Group, ai murales in tutto il mondo Houston, la magia dei murales resta, e alleggerisce gli ecosistemi urbani negli Stati Uniti.

"Ispirato dal mio lavoro con la mia associazione di quartiere -a parlare è Evan Meyer, co-fondatore e CEO della piattaforma di scambio di arte murale, Beautify- ho creato un progetto chiamato Beautify Lincoln con l'obiettivo di utilizzare la Street Art per rivitalizzare l'area, renderla percorribile, bella, sicura e invitante. Con alcuni amici, abbiamo creato 40-50 murales sui brutti muri di Lincoln, creando hotpots, luoghi con una densa concentrazione di opere d'arte. Beautify Lincoln ha trasformato Santa Monica e Venice in un centro artistico di Los Angeles e abbiamo avuto un ruolo nella trasformazione dell'area in quella che ora viene chiamata Silicon Beach.
Beautify è nata per generare milioni di spazi abbelliti con facilità, offrire agli artisti una piattaforma per costruire le loro carriere, aiutare le aziende a prosperare, consentire alle comunità di raccontare le loro storie con artisti locali e lasciare che ogni strada, quartiere e comunità sia un luogo in cui ci sentiamo sicuro e ispirato. I lunghi processi pubblici per la cura dell'arte costano di più da curare rispetto all'arte stessa, il che si traduce in poche nuove opere d'arte. Sembra che ci siamo accontentati dell'abbondanza di proprietà e infrastrutture commerciali noiose, insipide o trascurate. L'opportunità di guadagno per comunità, residenti, turisti, aziende e città è enorme. Dalla sicurezza e dall'economia, al benessere e all'orgoglio della comunità, l'arte è una necessità, non un lusso, e dovrebbe essere accessibile a tutti. Una parte importante della nostra missione è far capire al mondo che ciò che mettono nelle strade è importante per come si sente una comunità e per il modo in cui le sue attività si comportano. E le facciate noiose, insipide o rovinate non sono ciò che la gente vuole vedere. L'apatia estetica è lo status quo e siamo qui per cambiarlo".

Quali sono le prospettive per il futuro, come vede svilupparsi la sua visione?

Saremo il più grande hub di artisti di strada e cercheremo di assumere artisti allo scopo di creare arte autentica su pareti esterne e interne, controllo del traffico, lampioni, arredo urbano o persino scaffalature, sedie o porte del garage di qualcuno. Avremo il più grande inventario di sponsor per condurre campagne sui loro valori e connetterci con i consumatori locali attraverso l'autenticità, le esperienze. L'arte diventerà l'impostazione predefinita, non l'eccezione, ovunque e sempre. Beautify sta guidando una rinascita.

Può raccontare un episodio secondo cui la Street Art ha cambiato il volto del vandalismo?

Uno dei miei murales preferiti si chiama Life Is Full of Wonderment, uno splendido sfondo naturale creato da Marcel Blanco e Noah Neighbor. È stato colpito gravemente e la metà inferiore del murale è stata distrutta. Mentre i murales tendono a ridurre il vandalismo fino al 95%, accade ancora su muri che possono essere particolarmente territoriali, motivo per cui spesso sembra che gli stessi muri vengano etichettati più e più volte. Li chiamiamo siti di successo. Fortunatamente, la nostra rete è composta da molte persone rispettate e benvolute nella comunità dell'arte dei graffiti. Alcuni di loro sono andati a riparare il murale usando questa forma d'arte, e il murale non è mai più stato colpito. Ciò che viene messo in rilievo è l'opportunità di creare un comportamento costruttivo utilizzando una forma d'arte precedentemente associata al vandalismo. È stato un nostro obiettivo trasformare questa immagine di ciò che questa forma d'arte ha il potere di fare e anche di quanto possa essere bella. Ne consegue anche ciò che molte ricerche hanno dimostrato, ovvero che la maggior parte delle persone non cerca di essere distruttiva per il gusto di essere distruttiva. C'è un'enorme occasione per dare potere a coloro che cercano di essere creativi con vere opportunità artistiche, riducendo significativamente il vandalismo nel processo.